Lyfestile e consigli utili

Come fare decluttering in casa

Dopo anni passati a comprare ciò che mi capitava a tiro, oggi mi acquistare ciò che ritengo veramente ne valga la pena. Vedo molto spesso video su Youtube in cui si susseguono haul di acquisti (anche di basso valore, ma non è questo il punto), in cui si accumula roba su roba e mi chiedo: ma useranno mai tutti quei vestiti? Hanno davvero bisogno di tutte quelle t-shirt simili tra loro, con mille sfumature diverse di rosa, prodotte chissà come e da chissà chi? Ma soprattutto: dove riporranno mai tutti quei capi, oggetti di arredamento, etc? Poi mi ricordo che ci sono passata anche io.

Io penso che nella maggior parte dei casi, così come succedeva a me in passato, ci si ritrovi ad accumulare  negli armadi o nei ripostigli montagne di cose inutili che non solo rendono più ingombrati gli spazi, ma soprattutto rendono la nostra vita più pesante.

Ne ho già accennato nell’articolo sul riciclo dei regali di Natale; ma questa volta voglio parlarti di uno strumento potentissimo a nostra disposizione, ovvero il decluttering.

Cos’è il Decluttering?

Il termine è ormai di uso comune, sicuramente ne avrai sentito molto parlare! Si tratta semplicemente del liberarsi fisicamente di oggetti che non usiamo e di buttarli, regalarli o venderli, a seconda delle loro condizioni o di ciò che si intende farne. Quello che non sempre si accenna del decluttering è tuttavia,  il senso di libertà che si prova a svuotare le nostre abitazioni dalle cose che non si usano più. Attenzione però: non vale riporle nello scantinato! Guarda quell’oggetto che non usi da tempo, quella gonna che non indossi da due/ tre anni e pensa alla sensazione che provi tenendola in mano, pensa se quell’oggetto rispecchia ancora la tua persona, il tuo stile, le tue abitudini.

Questo è il mio criterio di selezione! Sentirai che senso impagabile di leggerezza e compiutezza una volta che ti sarai liberato da ciò che non usi più!declutter-the-house-decluttering

Se ti fa piacere, ci sono diverse letture interessanti sull’argomento, come  “Il magico potere del riordino” di Marie Kondo 

Come faccio io decluttering?

Personalmente, sembra presuntuoso a dirsi, ma nella mia vita ho sempre fatto decluttering pur essendone assolutamente inconsapevole.

Sono una persona per natura disordinata e sbadata, ma per mera sopravvivenza ho imparato che in un ambiente ordinato riesco a lavorare, mangiare, riposare molto meglio. Il caos e il disordine mi generano ansia e confusione , quindi sento fisicamente la necessità che tutto intorno a me abbia una collocazione logica e abbordabile.

Questo a mio avviso quando ci sono troppe cose è pressochè impossibile, quindi ho sempre sentito la necessità di fare pulizie periodiche di tutti i miei beni e man mano di avere sempre meno oggetti da ordinare. Si ma.. ti starai chiedendo.. come fai decluttering?Con quale cadenza?

La risposta è semplice: ogni qual volta ne sento l’esigenza! Solitamente queste fasi coincidono con il cambio delle stagioni, ma in generale non mi do una scadenza ben precisa, cerco solo di non superare un periodo di 6 mesi. Faccio questa precisazione, perchè a mio avviso non si può dare una scadenza fissa valida per tutti, molto dipende da quanto si acquista, dai membri che vivono in una abitazione, dallo spazio a disposizione, se ci sono bambini (che richiedono molti ricambi di abiti, giochi in base all’età), dal tempo che si ha.

La cosa importante è per me che venga fatto.

Solitamente mi prendo qualche ora di tempo (tendo poco ad accumulare quindi faccio in fretta) ma prenditi tutto il tempo che ti occorre: è un’operazione che richiede un pò di serenità mentale, ma anche voglia di separarsi da cose che spesso ci evocano tanti ricordi, quindi non avere fretta. I ricordi possono a volte essere anche dolorosi.

Genericamente inizio dalle camere da letto perchè nel mio caso sono quelle meno ingombrate, poi passo alla lavanderia e al bagno (che comprende nel mio caso anche i cosmetici ) e infine alla cucina/soggiorno e lo studio, che per me è il tasto dolente (causa marito accumulatore ). Noi non abbiamo un ripostiglio; solo un vano caldaia, ma quello è appannaggio del marito( ahimè), ma in caso tu lo abbia ti toccherà anche quello!

Consigli per un buon decluttering passo dopo passo

Penso si sia già capito che per me non è un’azione onerosa e faticosa, perchè in un certo senso fa parte del mio modo di essere. Ma se hai difficoltà ad approcciarti , ti consiglio questi semplici passaggi:

  • prenditi dei giorni di tempo, se hai accumulato tanto ci metterai parecchio e devi essere presente nelle scelte, quindi non metterti fretta. Se non hai la possibilità di affrontare il decluttering casa in maniera concentrata in pochi giorni, puoi sempre stilare un piano settimanale per pianificare quante ore dedicare ai songoli ambienti.
  • munisciti di materiale come buste e scatoloni per suddividere gli oggetti da buttare , regalare o mantenere, in modo che potrai facilmente poi collocarli al giusto posto
  • tieni a portata di mano anche strumenti per la pulizia, svuotando i mobili potrai approfittarne per fare una pulizia più accurata del solito!
  • svuota completamente cassetti, armadi, stipetti e fai la tua selezione. Io consiglio di svolgere questa operazione stanza per stanza, ma semplicemente perchè i miei abiti ad esempio, sono tutti posti in un unico armadio. Se tu li avessi divisi, io suggerirei di svuotare tutti i mobili che li contengono in modo da poter fare un’accurata selezione.
  • Munisiciti di contenitori per armadi, divisori per cassetti, custodie per abiti e scarpe, da Ikea ne trovi una vastissima scelta: ti aiuteranno non solo a sfruttare meglio gli spazi acquisiti, ma anche a categorizzare gli oggetti e a facilitare il prossimo decluttering o il cambio stagione https://www.ikea.com/it/it/catalog/categories/departments/small_storage/10452/  

 

Adesso non resta che metterti all’opera!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *